Blog Categories

Lastest Blog

recent comments

There is no comment

Blog tags

There is no tag
PrestaShop
Le nostre clienti parlano di noi...
Le nostre clienti parlano di noi...

Alta rosa: un nome sonoro e misterioso, dove due parole semplici si incontrano ad evocare un mondo di incantata bellezza e di genuina essenzialità.

Alta rosa: un nome sonoro e misterioso, dove due parole semplici si incontrano ad evocare un mondo di incantata bellezza e di genuina essenzialità.

Un nome e uno spazio: un negozio di abiti? Anche, ma certamente molto più di un negozio di abiti. La vetrina di un laboratorio artigianale? Anche, ma non solo una vetrina, per bella che sia. Una boutique di raffinati abiti da sposa? Anche, ma ben altro rispetto ad una boutique dove provare abiti preconfezionati da adattare. Un\'attività all\'insegna del biologico e del sostenibile? Certo, ma non solo perché “va di moda”.

È un posto dove amo andare e intrattenermi con piacere e a lungo, anche se non credo di essere tra le clienti che comprano di più (gli anni sono molti e la figura pesante, a fronte della pensione leggera!). Mi piace toccare i tessuti, studiare i colori delle varie collezioni e i loro accostamenti, osservare le geometrie che stanno dietro la linea dei modelli...poi ci sta che torni a casa con gomitoli di filati di pregio per confezionarmi in autonomia un maglione o una sciarpa “esagerata”.

Il motivo principale che mi spinge verso Alta rosa va oltre l\'apprezzamento estetico dei capi indubbiamente molto belli.

Ci sto bene perché sento che è uno spazio con un anima vera, che sente e ricerca l\'armonia, a partire dall\'essenziale.

Le materie prime, i filati, sono il prodotto di una lunga ricerca e di scelte accurate...e non da ora. È qui che ho scoperto anni fa la seta buretta, prodotta dai bozzoli da cui, senza uccidere la crisalide,  sono fuoruscite le farfalle: farfalle vive, che hanno animato l\'aria con i loro voli. È grezza, leggermente opalescente, la seta buretta che è uno dei filati largamente presenti nelle collezioni di alta rosa, insieme alle morbide e calde lane d\'alpaca, i lini, i cotoni e le canape che provengono da coltivazioni rispettose della natura e dell\'ambiente.

La cura nella scelta dei filati si sposa con la ricerca di forme morbide, facili da portare: dietro il disegno del capo si indovina che c\'è l\'attenzione per la persona che lo indosserà.

Infine, ma non è certo l\'aspetto per me meno importante, Alta rosa è un luogo dove la ricerca dell\'armonia e della bellezza è a tutto tondo e non solo finalizzato alla produzione e alla vendita.

È così possibile imbattersi nel negozio di Alta rosa in gruppi che si incontrano per progetti che tendono ad aggregare persone ed associazioni per realizzare iniziative di cittadinanza attiva tese a conoscere, vivere e migliorare il quartiere o persone che, come me, si riuniscono per imparare l\'abc del feltro o per contattare la propria dimensione profonda attraverso i colori dell\'acquerello.

Per tutto questo sono ben felice di posare con un capo che mostri l\'etichetta “Alta rosa” per la campagna di clean clothes contro lo sfruttamento umano e della natura nella produzione di abiti!

Elettra Lorini

Alta Rosa
Mar 24, 2017